I monti di Samobor e il Žumberak

I monti di Samobor e il Žumberak

Un'area montana di grande attrattiva

Il Samoborsko gorje e il monte Žumberak compongono una particolare area montuosa sita tra il fiume Sava da una parte e il suo afflusso, la Kupa, dall'altra. Questa zona ha diverse caratteristiche di una tipica area montuosa. Nonostante sia naturalmente pittoresca, accessibile e si trovi appena ad alcune decine di chilometri a sud-ovest dalla capitale Zagabria, quest'area montuosa è praticamente sconosciuto ai più.

Oštrc, Samoborsko gorje
Alan Čaplar

Considerata la loro posizione, il Žumberak e il Samoborsko gorje sono una zona intermedia tra le Alpi e le Alpi Dinariche. Qui si intrecciano caratteristiche tipiche di entrambe le catene montuose – quelle tipiche per le Alpi sono le pendici ripide, le valli profonde e i picchi aguzzi, mentre quelle dinariche sono le doline, le grotte e le fosse nella roccia calcarea. I geografi considerano il Samoborsko gorje soltanto un segmento del monte Žumberak, ovvero la sua estensione orientale. L'area che di solito si chiama Žumberak (in senso stretto) è separata dal Samoborsko gorje con profonde valli boshive della Žumberačka reka e del torrente Bregana. Quasi tutta la zona è compresa nei confini del Parco naturale Žumberak – Samoborsko gorje.


L'elemento centrale della parte più alta del monte Žumberak è un lungo crinale sul quale passa il confine tra la Croazia e la Slovenia. Questo lungo dorso è noto per i suoi prati fioriti e le splendide vedute, soprattutto verso la parte croata del monte Žumberak. La vetta Sveta Gera, con la quale il dorso termina a ovest, è la cima più alta del monte Žumberak, come pure dell'area pannonica della Croazia. Il punto più alto è segnato da un alto pilastro geodetico di cemento dal quale si apre una vista straordinaria in tutte le direzioni. Il punto dal quale partono i sentieri verso la Sveta Gera è il villaggio di Sočice, sito in una valle isolata ricca di fenomeni naturali e monumenti storico-culturali, con l'antico borgo nei pressi di Kekić Draga e la cascata di Sopot. 

Okić
Alan Čaplar

I principali traguardi alpinistici del Samoborsko gorje sono Okić, Oštrc e Japetić. Una fitta rete di sentieri alpinistici offre un numero infinito di possibilità per escursioni alpinistiche brevi e lunghe.


Questa zona è abitata fin dalla preistoria. Lo confermano numerosi reperti archeologici risalenti a diverse epoche. Il sito archeologico più importante è quello nella zona di Budinjak e Bratelji. Si tratta di una delle località archeologiche più importanti dell'età del ferro e del bronzo nell'Europa sud-est. È interessante visitare pure i resti di borghi medievali come Tuščak, Stari grad Žumberak e Okić. Quest'ultimo è considerato la fortezza nobiliare più antica della Croazia nord-ovest. 

Dragonoš
Alan Čaplar

Si può dire che, a differenza di altri monti croati, Žumberak è una vera e propria tesoriera etnologica. Le numerose case di legno, gli utensili, gli abiti tradizionali e i documenti sono una parte imprescindibile del patrimonio storico-culturale croato. La ricchezza della flora e della fauna, le numerose sorgenti e i corsi d'acqua, i resti di borghi medievali, i siti archeologici di diverse epoche, gli edifici sacri della tradizione cattolica e greco-cattolica e le interessanti caratteristiche rurali della zona sono delle ragioni più che valide per visitare Žumberak e il Samoborsko gorje. Quest'ampia area offre numerose attrazioni e possibilità per passeggiare ed esplorare, ma al contempo conserva una piacevole tranquillità tipica delle montagne.