Il Velebit centrale – i Dabarski kukovi

Il Velebit centrale – i Dabarski kukovi

Il cuore roccioso ma cordiale del Velebit

Un posto particolare nel rilievo del massiccio del Velebit lungo 143 chilometri occupano i Dabarski kukovi nei pressi di Baške Oštarije. Questi sono una serie di cime rocciose aguzze che sorgono dai boschi verdi di Dabar e dagli avvallamenti erbosi come un'enorme muraglia che si estende parallelamente alla costa adriatica. In questa catena lacerata si distinguono il Bačić kuk, Kukaline, Butinovača, Kiza, Grabar e Ljubičko brdo. Lungo il loro piede nordorientale si trova una serie di valli carsiche, tra le quali le tre più note sono chiamate “dabar” (Crni, Ravni e Došen dabar) e "dulibe" (Bačić duliba e Crna duliba). Dabar e duliba sono antiche denominazioni slave utilizzate per profonde vallate boschive.

Velebit, Vrh Kize
Alan Čaplar

Una scalata in senso longitudinale nei Dabarski kukovi è un'impresa quasi impossibile, anche se nella maggior parte del dorso dei Dabarski kukovi c'è la segnaletica alpina. Tuttavia, l'attraversamento di questa zona in senso longitudinale esige una notevole abilità nell'arrampicata, mentre, a causa del rilievo lacerato del dorso, diversi posti sono impossibili da attraversare.

 

Ciò nonostante, i Dabarski kukovi sono facilmente raggiungibili grazie ai sentieri che permettono un accesso piacevole da Baške Oštarije sotto i Dabarski kukovi e arrampicate verso le cime. Dalla parte nord-est delle cime passa un bel sentiero in direzione del Crni e Ravni dabar. La seconda, più semplice, variante di accesso dalle Baške Oštarije nel Ravni dabar è il sentiero di Premužić che si estende da Zavižan verso Oštarije. Un punto molto importante per la visita ai Dabarski kukovi e ai dabar è il rifugio alpino nel Ravni dabar.  


Il centro del turismo montano e il principale punto di partenza sul Velebit sono Baške Oštarije, un villaggio sito nell'importante valico montuoso tra Gospić e Karlobag. Sul valico di Oštarije si trova un particolare monumento di roccia in forma di cubo, elevato nel 1846 in occasione del completamento di questa importante strada che attraversa il Velebit. Da quel punto si apre una bella vista sul mare, ma dal momento che vi soffia forte la bora, successivamente è stato costruito un corto tunnel grazie al quale non è necessario attraversare il valico. Il monumento è noto con il nome di “kubus”. A Baške Oštarije si trovano due rifugi alpini e diverse strutture che permettono la sistemazione dei turisti. 

Velebit
Alan Čaplar

I sentieri marcati permettono di salire da Baške Oštarije verso una decina di vette nel circondario. La vista più bella si apre dal Veliki Sadikovac (1.286 metri), che è orientato verso la Lika. Da Baške Oštarije si giunge sulla vetta in un'ora e mezza. Ljubičko brdo (1.320 metri) si vede da Oštarije e ha la forma di un largo dorso erboso che termina con delle rocce. Dalla cima si apre un'ampia vista, una delle più belle sul Velebit, che al contempo comprende le vette del Velebit meridionale, il mare, la Lika, i Dabarski kukovi e la piana di Oštarije. La salita dura complessivamente due ore. La vetta più pittoresca dei Dabarski kukovi è Kiza (1.274 metri), che si trova su un crinale calcareo nel quale si intrecciano numerose cime verticali e oblique di forme diverse. Anche se la vetta non è particolarmente alta, grazie alla sua posizione distinta, la cima Kiza è un piacevole belvedere. Da Baške Oštarije si giunge in cima nell'arco di un'ora e mezza. L'arrampicata sul Bačić kuk (1.304 metri), la vetta più alta nella catena dei Dabarski kukovi, inizia nella Bačić duliba. Lo stesso vale per l'arrampicata sull'erboso Budakovo brdo (1.317 metri). Nelle vicinanze si trova l'habitat della Degenia velebitica, una pianta endemica.

 

Se arrivate nei Dabarski kukovi con il cuore aperto e avete la fortuna di trovarvi in quel posto in una giornata limpida, scoprirete ancora molte cose interessanti che destano merviglia e meritano di essere ammirate, mentre la visita ai Dabarski kukovi rimarrà un ricordo piacevole e indelebile nella vostra mente.