Il Velebit meridionale – Paklenica

Il Velebit meridionale – Paklenica

Sotto le vette più alte del Velebit

Il punto in cui il Velebit, con le profonde gole della Velika e Mala Paklenica, si è avvicinato in maniera singolare al mare è una delle zone carsiche più interessanti in Croazia.


La zona di Paklenica è tutelata come parco nazionale. La parte più interessante del parco è senz'altro il canyon Velika Paklenica che è attraversato da un torrente lungo il quale si estende un sentiero e il tutto è incorniciato da pareti rocciose alte alcuni centinaia di metri. Sono pochi i luoghi in cui l'essere umano si sente così piccolo come è il caso a Paklenica, dove sopra la sua testa si stagliano pareti rocciose alte 300-400 metri sopra le quali si scorge una stretta fascia di cielo. L'acqua gorgoglia soltanto nel suo percorso superiore, mentre più in là affonda nelle innumerevoli crepe del sottosuolo. Il clima piacevole, la bella natura e le numerose possibilità di arrampicata rendono le pareti rocciose di Paklenica particolarmente gettonate tra gli arrampicatori e conosciute come una delle migliori località europee per la pratica dell'arrampicata. Mentre in primavera le rocce delle Alpi si trovano ancora coperte di neve e di ghiaccio, qui le temperature sono piacevoli per l'arrampicata durante tutto l'anno.

Velika Paklenica
Alan Čaplar

Nel punto più stretto della gola della Velika Paklenica si trovano alcune entrate nel rifugio tunnel. Verso la fine degli anni Cinquanta del XX secolo è stato scavato nella massima segretezza dall'Armata Popolare Jugoslava come rifugio in caso di guerra nucleare, mentre oggigiorno vi è organizzato un centro di presentazione – la Città sotterranea della Paklenica.

 

Il sentiero alpinistico serpeggia verso l'alto dallo spiazzo nei pressi del Bunker e giunge ai piedi della roccia monolitica alta 300 metri, chiamata Anića kuk, prosegue lungo una sorgente permanente di acqua potabile, al che il canyon si allarga improvvisamente ed entra in un piccolo prato chiamato Anića luka. Oltre che seguendo le scalate alpinistiche, sulla cima dell'Anića kuk si può giungere anche percorrendo il sentiero alpinistico che si separa dal percorso principale all'inizio dell'Anića luka.

 

Nel territorio di Paklenica ci sono diverse caverne e fosse interessanti. La più affascinante è Manita peć sita sopra il canyon della Velika Paklenica. Si tratta di una caverna adattata per le visite turistiche, mentre grazie alla bellezza delle sue decorazioni sotterranee è considerata una delle più belle in Croazia. Manita peć è lunga circa 175 e profonda 35 metri. Dall'ingresso nella caverna si apre una bella vista, mentre nelle immediate vicinanze si erge come una torre la roccia alta e sottile chiamata Zub o Maniti kuk. 

Sveto brdo
Alan Čaplar

Dal punto in cui il sentiero si separa in direzione della Manita peć, il percorso alpinistico di Paklenica sale per un'ora e mezza attraversando le ripide pareti coperte da boschi ai piedi del canyon fino alla Lugarnica e con una salita ancora più ripida fino al rifugio alpino di Paklenica. La maggior parte dei visitatori conclude qui il suo percorso, ma è in questo punto che partono i sentieri più interessanti verso le vette del Velebit che portano nelle zone alte, caratterizzate da una vegetazione tipica per i territori montuosi, attraverso una fascia boschiva. Tra le diverse cime che sovrastano Paklenica, la più alta è il Vaganski vrh, che è anche la vetta più alta del Velebit. La cima di maggior attrattiva di Paklenica è lo Sveto brdo, dalla cui particolare posizione si apre la vista sia sulla Lika che sul mare.


La Mala Paklenica è la zona più rigorosamente protetta del parco nazionale. Si trova circa tre chilometri a est della Velika Paklenica. In linea con il nome, è più piccola e più corta, ma è al contempo più impervia, più ripida e completamente selvaggia. Dal momento che per i visitatori è più inaccessibile della Velika Paklenica, si consiglia che vi si inoltrino soltanto gli alpinisti esperti. Attraverso la gola si può passare non seguendo un sentiero, bensì nel letto del torrente. Quando questo è pieno d'acqua, il passaggio è impossibile. 

Paklenica
Alan Čaplar

La ricca rete di sentieri alpinistici e il paradiso per gli arrampicatori, nonché il fatto che in un territorio relativamente piccolo si incontrano numerosi fenomeni e forme geomorfologiche diverse, la varietà della flora e della fauna, gli splendidi paesaggi e la natura intatta sono certamente uno dei tesori principali di questa parte della costa adriatica e di tutta la Croazia.